Rema Control e Giuseppe Giana

Digital Twin: Sinumerik ONE per Rema Control (OEM) e Giuseppe Giana (end user)

Sinumerik ONE per il centro di lavoro Newton Big di Rema Control entra nello stabilimento Giana per aumentare l'efficienza nella produzione delle macchine

Location

Lombardia, Italia

Highlights

  • Disporre di un digital twin della macchina prima che venga realizzata, grazie a Sinumerik ONE
  • Simulazione delle operazioni della macchina
  • Riduzione del time-to-market

"L'adozione di Sinumerik ONE risponde alla necessità di aumentare l'efficienza delle nostre lavorazioni meccaniche. SI tratta di una soluzione che, oltre a garantire adeguati livelli di precisione e velocità di esecuzione, è estremamente flessibile"

Giulio Giana, Presidente Giuseppe Giana S.r.l.

Rema Control S.r.l. è un' azienda bergamasca attiva da oltre 30 anni nella costruzione di centri di lavoro.

 

Giuseppe Giana S.r.l. è un'azienda di Magnago, in provincia di Milano, specializzata nella progettazione e costruzione di torni CNC, torni multitasking, foratrici per fori profondi e lappatrici che trovano applicazione in diversi settori industriali quali: petrolifero, energia, navale, aerospaziale, metallurgico e quello della costruzione di macchine per forgiatura.

Soluzione / Portfolio

Siemens ha fornito a Rema Control, e conseguentemente alla Giuseppe Giana, il nuovo controllo numerico Sinumerik ONE. Si tratta di una innovativa esperienza applicativa che ha consentito a entrambi di definire un più efficiente modo di operare con macchine utensili a controllo numerico. Il nuovo CNC nativo digitale si avvale del software Create MyVirtual Machine che è in grado di generare il gemello digitale per gli uffici di progettazione software e hardware dei costruttori di macchine, e del software Run MyVirtual Machine che consente agli utilizzatori della macchina utensile di simulare la sua dinamica per valutare e verificare le prestazioni reali della macchina stessa, direttamente in ufficio.

Benefici

L'aspetto più interessante è quello di poter disporre di un gemello digitale della macchina utensile, ancor prima di aver costruito la macchina stessa, anticipando quindi in un ambiente virtuale le sue funzionalità e le prestazioni ottenute in lavorazione.